TRIBUNALE

Stalking su 2 donne, alcamese 43enne condannato per la seconda volta

di

ALCAMO. Un' altra condanna per "atti persecutori" (reato più noto come "stalking") è stata inflitta al 43enne infermiere professionale palermitano Gaspare Manlio Cassarà. Denunciato da una donna alcamese di 34 anni (A.T.), Cassarà è stato condannato a sei mesi di reclusione (pena sospesa) dal gup di Trapani Lucia Fontana. Nel processo, la giovane donna, fortemente provata dalla vicenda, si è costituita parte civile. Ad assisterla, poi, è stato l' avvo cato Giacomo Frazzitta, presidente della Camera penale di Marsala. Il giudice ha riconosciuto ad A.T. anche un risarcimento danni.
L' epoca dei fatti contestati all'infermiere è il febbraio dello scorso anno, quando, secondo l' accusa, l' infermiere, forse invaghitosi di A.T., cominciò a tempestarla di telefonate. E poi, non ottenendo alcun riscontro, avrebbe anche iniziato a minacciare e ingiuriare la sua presunta vittima. Tanto che questa, per porre fine al suo "incubo", la donna è stata costretta anche a sporgere una denuncia.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA L'EDIZIONE DI TRAPANI DEL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X