PESCA

Mazara, la marineria protesta: malattie professionali non riconosciute

di

MAZARA DEL VALLO. Malattie professionali dei pescatori e riposo biologico. Ecco i temi che emergono nella marineria di Mazara in questa calda estate. Sembrano distanti tra loro ma in effetti entrambi hanno come comune denominatore l' uomo - pescatore.

«Da 40 anni che vado a pescare. Ho iniziato quando mio padre, a soli 15 anni, mi portò in barca. Da allora mi sono innamorato del mare e del mestiere ed ho continuato senza pause. Il fisico però non mi aiuta più. Reumatismi, ernie, dolori lancinanti alla schiena, qualche colpetto al cuore, ma devo andare avanti. Ho moglie e figli». Ecco la testimonianza di Leonardo, marittimo di Mazara che, su e giù nel tempo, ha accumulato anni di navigazione, ma ancora non pensionabile e diverse malattie che però non vengono riconosciute a causa della professione esercitata.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA L'EDIZIONE DI TRAPANI DEL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook