IL COMMIATO

Il prefetto Falco saluta Trapani

di

TRAPANI. «Lascio un territorio in evoluzione, con grande potenzialità alcune delle quali, però, ancora inespresse. Qui mi sono trovato bene.

Ho lavorato d' attacco perché da queste parti le strategie e i calcoli non servono. Qui occorre il gioco di squadra».
Il prefetto Leopoldo Falco lascia Trapani. Ieri è stato il giorno del commiato. Trasferito, dal Consiglio dei ministri, a Roma dove ricoprirà la carica di vice direttore dell' Ufficio Affari legislativi e Relazioni parlamentari, gli subentra l' ex vicario della Prefettura di Milano, Giuseppe Priolo.

«E' un combattente - dice Falco, parlando del suo successore - Ha vissuto a Reggio Calabria dove ha svolto numerosi commissaria menti per mafia. E' una persona operativa». Di emergenze durante la sua permanenza a Trapani, il prefetto Falco ne ha affrontate tante: immigrazione, aeroporto, sicurezza, beni confiscati alla mafia.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA L'EDIZIONE DI TRAPANI DEL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

 

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

TAG:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook