FONTI ALTERNATIVE

La posidonia diventa compost, progetto pilota da Castelvetrano

di

CASTELVETRANO. Risultati lusinghieri per il progetto pilota Medcot finanziato dall' Unione Europea e che ha visto protagonista la Sicilia e la Tunisia. Motivo comune le alghe di posidonia il cui spiaggiamento in località turistiche come Marinella di Selinunte creano disagio e diventano un peso economico per il Comune per lo smaltimento, mentre in Tunisia si cercano i correttivi attraverso i flangi frutti per non farla depositare.

Ecco l'idea che la stessa alga possa diventare una risorsa economica per il suo possibile diverso utilizzo soprattutto in agricoltura.
L' ingegnere del Comune di Castelvetrano Danilo La Rocca assieme al collega Francesco Seidita domani al Baglio Florio presenterà i risultati di tre anni di lavoro nell'ambito di un evento curato dall'Associazione culturale Kairyo.

Intanto lo studio realizzato a Marinella ha dimostrato, attraverso il coordinamento del Consorzio Universitario di Trapani, che è possibile trasformare la posidonia spiaggiata in risorsa commerciale soprattutto quando diventa compost.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA L'EDIZIONE DI TRAPANI DEL QUOTIDIANO O CARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X