ABUSIVISMO

Marsala, ruspe in azione: via a nuove demolizioni

di

MARSALA. Via libera alla seconda fase delle demolizioni degli immobili abusivi "non sanabili" realizzati entro la fascia dei 150 metri dal mare. Conclusa la demolizione del lotto delle 22 costruzioni abusive, iniziata nel novembre del 2011, le ruspe torneranno in azione con i primi di settembre per abbattere un secondo lotto di costruzioni abusive e continuare l' opera di bonifica del territorio che dagli anni '70 ad oggi è stato caratterizzato da una cementificazione selvaggia soprattutto entro i 150 metri dal litorale.

Ad eseguire questa nuova fase (la terza dal settembre del 2011 ad oggi) sarà la "Tek Infrastrutture" di San Cipirrello (Palermo) che si è aggiudicato il cottimo fiduciario, presieduto dall' ingegnere Vincenzo Figuccia, dirigente vicario del settore "Grandi Opere" e responsabile della Centrale Unica di Committenza (CUC), con un ribasso del 19,2919 per cento sul prezzo a base d' asta di 45.740,00 euro, di cui 44.3490,75 soggetti a ribasso e 1.390,25 per oneri sulla sicurezza; al secondo posto la "CIEMME" di Marsala che ha offerto un ribasso del 15 per cento.

Il via alla nuova fase delle demolizione degli immobili abusivi dopo la firma del contratto tra il titolare dell' impresa e il dirigente vicario del settore Lavori Pubblici, Francesco Patti.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA L'EDIZIONE DI TRAPANI DEL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

 

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X