AMBIENTE

Isola Lunga «sommersa» da eternit e rifiuti

di

TRAPANI-  È un triste spettacolo quello che appare a quanti, in estate, dopo avere attraversato a piedi un tratto di mare di circa un chilometro, approdano sulla punta settentrionale dell'Isola Lunga per poi proseguire verso la cosiddetta ex «spiaggia Taithi».

Pur trattandosi, infatti, riserva naturale, e dunque (almeno sulla carta) tutelata sotto il profilo ambientale, la zona compresa tra la punta nord dell' isola e la spiaggia ormai completamente ricoperta di alghe e cosparsa di rifiuti di vario genere (bottiglie di plastica.) - offre al visitatore un panorama fatto di recinzioni metalliche arrugginite crollate a terra, testimonianze di archeologia industriale abbandonate (attrezzature un tempo utilizzate nelle saline e negli impianti di pescicoltura) e persino vere e proprie discariche.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA L'EDIZIONE DI TRAPANI DEL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

 

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook