COMUNE

Alcamo, vietato attingere acqua dai pozzi privati

di

ALCAMO. "Non siamo in emergenza idrica, quindi gli autotrasportatori privati di acqua, d' ora in poi, devono rifornirsi esclusivamente al Bottino per venderla agli utenti che la richiedono". Questo è in sintesi il messaggio espresso ieri dall' amministrazione Surdi gettando acqua sul fuoco.

Un fuoco innescato, stavolta, dall'acqua. Un assurdo gioco di parole? Andiamo im mediamente al punto della questione, che tocca le delicatissime corde di un annoso problema in un territorio, quello alcamese, peraltro caratterizzato da numerose falle nella rete dell' acquedotto e disservizi soprattutto ad Alcamo Marina e in altre zone periferiche.

La polemica riguarda, infatti, le ultimissime novità in tema di approvvigionamento idrico. "La situazione è che da sta mattina - ha spiegato ieri il sindaco pentastallato Domenico Surdi - tutti gli autotrasportatori privati possono attingere l' acqua al Bottino, il serbatoio comunale d' acqua. Mentre non gli è più consentito prelevarla da pozzi privati.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA L'EDIZIONE DI TRAPANI DEL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE 

 

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook