CASTELVETRANO

Rogo nell'area archeologica di Selinunte, trenta ettari andati in fumo

CASTELVETRANO. E' di circa trenta ettari, secondo una prima stima effettuata dai vigili del fuoco, l'area che la scorsa notte, all'interno del parco archeologico di Selinunte, è stata danneggiata da un incendio che oltre a sterpaglie ha bruciato macchia mediterranea e qualche albero di ulivo.

Le cause del rogo sono da accertare. "Ho seguito tutte le operazioni di spegnimento delle fiamme che hanno interessato la zona di Manuzza - dice Enrico Caruso, direttore del parco archeologico -. Escludo che ci possano essere stati danni alle aree archeologiche poiché a delimitarle per fortuna ci sono i viali parafuoco".

Sono tantissimi i roghi registrati negli ultimi giorni in tutta la Sicilia. L'ultimo sulla costa agrigentina, a San Leone. Le fiamme sono state avvistate anche dal centro storico della città dei templi. Mancavano pochi minuti alle 20,30 quando alte colonne di fumo nero hanno iniziato a levarsi sui cieli di San Leone e alle 22,30 le fiamme erano ben visibili già a centinaia di metri. Ad andare in fiamme sono state le sterpaglie ed il canneto che circonda la zona fra le vie Delle Viole e dei Giardini.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook