RIFIUTI

Belice, conferimento rifiuti ancora al «Polo»

di

TRAPANI. Uno spiraglio, più una soluzione tampone che risolutiva. L' ultima ordinanza firmata dal presidente della Regione Rosario Crocetta in materia di rifiuti, sblocca l' attuale situazione di stallo e di emergenza che stanno vivendo i comuni del Trapanese per mancanza degli impianti dove conferire l' immondizia. Crocetta, al termine della riunione di due giorni fa presso il Dipartimento regionale dei rifiuti, ha autorizzato nuovamente il Polo tecnologico di contrada Airone a Castelvetrano (da lunedì saturo di rifiuti) per il deposito di 2.000 tonnellate di immondizia. Ma con alcune novità.

La prima riguarda l' ok per un mese a un impianto mobile di trito -vagliatura che consentirà di separare la frazione secca dei rifiuti (e poterla così conferire nelle discariche di Motta Sant' Anastasia oppure di Siculiana) da quella di sottovaglio, da poter poi trasportare nelle discariche di Trapani, di Bellolampo a Palermo o in altri impianti disponibili. Crocetta ha, altresì, imposto l' onere alla Belice Ambiente Spa di dotarsi, entro 15 giorni, di un impianto mobile di biostabilizzazione per trattare i rifiuti stoccati al Polo.
Se tutto andrà a regime di quanto predisposto, l' impianto di contra da Airone a Castelvetrano potrà tornare a essere funzionale ai comuni dell' Ato Tp2 e di quelli aderenti alla Srr "Trapani provincia Nord".

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA L'EDIZIONE DI TRAPANI DEL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X