ECCELLENZA

Marsala in alto mare: la squadra è da rifare e manca l'allenatore

di

MARSALA. Persa malamente la serie D, si «riparte», dunque, dall'Eccellenza. E questa è già (si fa per dire) una..buona notizia in un momento tra i più delicati e, a dir poco, grotteschi che abbia mai attraversato il Marsala 1912 nella sua ultracentenaria storia caratterizzata da alti e bassi, da bellissimi campionati ma anche da cocenti delusioni, come l' ultima di qualche mese addietro per la vergognosa retrocessione in Eccellenza dopo che la squadra, inizialmente, prima di essere smantellata a dicembre, era stata allestita per puntare ad un torneo di vertice.

Una serie D, insomma, buttata al vento per ben due volte in maniera incredibile. E con i relativi processi che sono già stati espletati e hanno «condannato», senza attenuanti, i vari Gerardi, Occhipinti, Mannone e Bonafede, i quali, adesso, si stanno rendendo protagonisti, per la serie «lascio o non lascio», di una telenovela che sta mettendo a dura prova la pazienza dei tifosi e dell' intera città per il passaggio delle quote societarie all' imprenditore Luigi Vinci.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA L'EDIZIONE DI TRAPANI DEL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

 

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X