LA STORIA

Chiude un asilo a Trapani, suor Cecilia non ha più una casa

di

TRAPANI. Una vicenda triste, densa di paradossi, in perfetto stile trapanese. Ne è protagonista, o forse per meglio dire vittima, una figura assai conosciuta in città: suor Cecilia, una vita spesa per il prossimo, incentrata sui pilastri della solidarietà e della carità.

Dopo essersi presa cura, per oltre 50 anni, dei poveri e dei disagiati di Trapani ed Erice, la madre oggi è rimasta senza un tetto a causa della chiusura dell' asilo Caritas di via Livio Bassi - una traversa della centralissima via Fardella - dove viveva assieme ai suoi bambini. Ospitata nei locali delle Suore oblate di via Michele Amari, nel popolare rione Sant' Alberto, nell' immediata periferia della città, la suora vincenziana ha dovuto lasciare la stanza. «Proprio così - dice -. Forse devono effettuare dei lavori oppure la devono affittare. Così dopo essere stata accolta dalla madre superiore, sono stata invitata dalla stessa a trovarmi un' altra sistemazione, ma io non so dove andare». Da lì un continuo peregrinare alla ricerca di un alloggio. Suor Cecilia, che vive di pensione, ha bussato alle porte di parrocchie, istituti, case di ospitalità.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA L'EDIZIONE DI TRAPANI DEL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE 

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

TAG: ,

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook