ARCHEOLOGIA

Trovata sulla spiaggia di Selinunte la testa di una stele

di

SELINUNTE. Si reca a fare il bagno nella spiaggia dell' Acropoli di Selinunte e scopre la parte sommitale di una stele risalente al quinto secolo avanti Cristo. È il ritrovamento, del tutto casuale, fatto dall' avvocato di Castelvetrano, Giovanni Miceli, esperto di archeologia e da sempre appassionato di storia selinuntina.

«È stata una fortunata coincidenza - ricorda - Miceli- passeggiavo in riva al mare nella zona di Calannino dove il mare ogni tanto ci restituisce parti strutturali del vecchio porto di Selinunte e mi sono accorto della te sta di una stele. Ho capito che si trattava di qualcosa di valore e, oltre a liberarla dalla sabbia rimanente, ho segnalato subito il ritrovamento alle autorità competenti per metterla immediatamente in sicurezza». Secondo quanto riferito dallo stesso Miceli, l' area della spiaggia ai confini con il parco archeologico di Selinunte, a due passi dal tempio C , è da sempre un sito di notevole interesse archeologico.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA L'EDIZIONE DI TRAPANI DEL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE 

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X