ARCHEOLOGIA

Affiorano nuovi reperti dagli scavi di Mozia

di

MOZIA. Una campagna di scavi che svela i resti archeologici dell' antica città fenicia di Mozia ma che ha assunto quest' anno un significato estremamente umano e sociale grazie alla fattiva partecipazione di un gruppo di rifugiati politici ospiti dal Centro Sprar di Marsala.

I primi risultati di questa nuova campagna di scavi, che si svolge a Mozia (la XIII") sotto la direzione scientifica di Gioacchino Falsone, docente dell' Ateneo palermitano, sono stati presentati nel corso di un incontro tenutosi a Mozia e al quale hanno partecipato il sindaco Alberto Di Girolamo, l' assessore alla Cultura Clara Ruggieri, il Soprintendente ai Beni Culturali di Trapani Paola Misuraca e il dirigente della stessa Soprintendenza Rossella Giglio nonché Maria Enza Carollo, della Fondazione Whitaker, Lucio Melazzo del Polo Didattico di Agrigento e Maria De Vita del Centro Sprar di Paolini. Proprio Gioacchino Falsone ha ufficialmente espresso il suo personale grazie e della intera equipe a quei cinque rifugiati politici che, provenienti da Senegal, Gambia, Liberia e Pakistan, stanno facendo questa nuova esperienza, scientifica e sociale nello stesso tempo.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA L'EDIZIONE DI TRAPANI DEL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE  

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook