LA SENTENZA

Tentò di uccidere collega, condannato a 10 anni bracciante di Castellammare

di

CASTELLAMMARE. Il castellammarese Antonio Zummo, bracciante agricolo di 30 anni, è stato condannato a dieci anni di reclusione per tentato omicidio. La condanna è legata ai fatti risalenti al 12 marzo 2015, quando Zummo, in seguito ad un diverbio scaturito per futili motivi con un suo collega di lavoro di nazionalità tunisina, Hammouda Abdelaziz, gli aveva sparato un colpo di fucile calibro 12, caricato a pallini, col pendolo alla testa.

Il giudice ha accolto la richiesta di condanna a dieci anni di reclusione, poiché nell' azione dell' imputatoci sarebbe stato l' intendo di uccidere, e respingendo la tesi difensiva sostenuta dal legale di Zummo che parlava di sole lesioni. Zummo è stato anche condannato al pagamento di trentamila euro in favore di Hammouda Abdelaziz. Soddisfazione dell' avvocato Laura Ancona che ha assistito la persona offesa.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA L'EDIZIONE DI TRAPANI DEL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

 

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X