TRENTA ETTARI DISTRUTTI

Trapani, gli incendi non fermano la mietitura nei terreni sequestrati alla mafia

di

TRAPANI. Neppure il vento di scirocco e il caldo afoso hanno fermato, ieri pomeriggio, la mietitura del grano (quello che è rimasto dopo gli incendi dolosi dei giorni scorsi) sui terreni di contrada Sarbucia-Formosa sequestrati, nel luglio 2015, dalla sezione Misure di prevenzione del Tribunale di Trapani al pacecoto Vito Marino.

Quest' ultimo è attualmente ricercato per la condanna all'ergastolo emessa dalla Corte d'assise d' appello di Milano per la strage della famiglia Cottarelli. Nel 2006, a Brescia, furono uccisi Angelo Cottarelli, la moglie Marzenne e il figlio Luca, di 17 anni. Gli amministratori giudiziari, dopo il sequestro, hanno provveduto a dare continuità alle attività produttive e nelle aree a seminativo si accingevano alla raccolta di grano e fave. Il si prospettava ottimo: anche 50 quintali di grano per ettaro.

Ma ciò ha infastidito chi spera che i beni sequestrati e confiscati finiscano in abbandono. "I tre incendi dolosi che, dal 6 al 14 giugno, hanno distrutto oltre trenta ettari di grano pronti per la mietitura - ha detto don Luigi Ciotti, fondatore e presidente di Libera - sono segni della violenza mafiosa. Ma anche dell' efficacia di uno strumento, la confisca e l' uso sociale dei beni, che colpisce non solo il patrimonio delle mafie, ma la loro identità".

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA L'EDIZIONE DI TRAPANI DEL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

 

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook