TRIBUNALE

Mafia, a Marsala condannato a 16 anni Antonino Bonafede

MARSALA. Il tribunale di Marsala ha condannato a 16 anni per associazione mafiosa Antonino Bonafede, pastore ottantenne e padre di Natale Bonafede, ex reggente della cellula marsalese di Cosa nostra, in carcere dal gennaio 2003 con una condanna definitiva all'ergastolo.

La pena inflitta a Bonafede include anche i 6 anni già scontati per una precedente condanna per mafia. Per Bonafede senior, però, il tribunale ha escluso il ruolo di nuovo «capo famiglia» contestato dalla Dda (pm Carlo Marzella). A 12 anni, sempre per
mafia, è stato condannato Vincenzo Giappone, 54 anni, anch'egli pastore: sarebbe stato il cassiere della cosca e il primo collaboratore di Bonafede senior.

Dall'accusa di associazione mafiosa è stato, invece, assolto Martino Pipitone, 66 anni, ex impiegato di banca in pensione, che in passato ha già scontato una condanna a 6 anni per mafia. Pipitone, l'unico in libertà (per motivi di salute), è stato però condannato a 2 anni per intestazione fittizia di una società ad altra persona. Il processo è scaturito dall'operazione dei carabinieri di Marsala «The Witness» del 9 marzo 2015.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook