L'INIZIATIVA

Da Nord a Sud visite gratuite nelle Oasi del Wwf: porte aperte anche alle saline di Trapani

ROMA. Le saline di Trapani in Sicilia, gli antichi boschi costieri laziali di Macchiagrande e Foce dell'Arrone, gli Stagni fiorentini di Focognano, la valle da pesca protetta a Valle Averto nella Laguna Veneta.

Questi alcuni dei pezzi di natura che il Wwf protegge e custodisce nel nostro Paese: le Oasi oggi saranno aperte in tutto il Paese per visite gratuite ed eventi in 80 delle 100 aree gestite.

L'associazione del Panda festeggia la natura con una giornata dedicata anche alla solidarietà perché si chiuderà la lunga staffetta di raccolta fondi per il Bacino del Congo, in Africa, un'area fortemente a rischio e secondo polmone 'verde' del mondo dopo l'Amazzonia dove si sta vivendo una grave emergenza di bracconaggio; questo, a conclusione della campagna 'Cuore Verde' dell'Africa, nata per il cinquantesimo anniversario del Wwf Italia e lanciata per salvare i gorilla del parco di Dzanga Sangha.

L'evento centrale della Giornata sarà lì dove tutto è cominciato: nell'Oasi di Burano, in Toscana, all'Argentario; la prima Oasi creata dal Wwf e simbolo dei 50 anni dedicati alla tutela della natura da parte dell'associazione (la mattina di domani da qui ci sarà la diretta di Ambiente Italia su Raitre, con la presidente del Wwf Italia Donatella Bianchi e il presidente onorario Fulco Pratesi).

Ma gli appuntamenti sono tanti in tutta Italia, anche per ragazzi e bambini: a Policoro (Mt) per esempio verrà liberata una tartaruga marina, a Montagna di Sopra (Av) è prevista una giornata dedicata al lupo.

Tra le novità di quest'anno il coinvolgimento dei giovani in alcune Oasi che diventeranno 'Guardie per un giorno' nell'accompagnare i visitatori.

Le oasi del Wwf tutelano specie rare come cervo sardo, lontra, lupo, orso e poi falchi, anatre, fenicotteri insieme a ospiti meno noti tra anfibi, farfalle, piante e fiori.

Si tratta di habitat che garantiscono servizi naturali indispensabili alla nostra vita.

Infatti secondo il report 'Effetto Oasi' (che contiene 100 storie sul progetto di conservazione in Italia) senza l'impegno del Wwf avremmo "perso pezzi straordinari del nostro patrimonio naturale che oggi sono bene comune di tutti gli italiani".

Le Oasi sono diventate anche vere e proprie palestre per le giovani generazioni per progettare il proprio futuro grazie alle attività all'interno del progetto "Alternanza scuola-lavoro".

Molte le aziende partner che sostengono il sistema delle Oasi con una serie di iniziative come UniCredit, Auchan Retail Italia, Ikea Italia ed Eurojersey.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X