L'INIZIATIVA

Mafia ad Alcamo, il giudice fra i banchi

di

ALCAMO. Si è parlato di criminalità organizzata, ma anche di bullismo e cyberbullismo, quindi di reati commessi (ad esempio diffamazione, messaggi e commenti vessatori o offensivi) tramite i social network. Perché la legalità, termine così tanto usato attualmente, è rispetto reciproco tra i banchi di scuola "e rispettando le regole su Facebook", come conferma la coordinatrice del progetto scolastico, Enza Riparia.

Sono questi gli argomenti, infatti, su cui si sviluppa la Settimana della Legalità, promossa dall' Istituto comprensivo "Nino Navarra" di Alcamo diretto da Vincenza Vallone e che sta per concludersi. Un' iniziativa che ha coinvolto gli alunni, con momenti concertistici degli studenti dell' indirizzo musicale dell' istituto stesso. Ieri, tra gli altri, sono intervenuti Alessandra Camassa magistrato, presidente della Sezione penale del Tribunale di Trapani, per parlare di criminalità organizzata nel territorio.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA L'EDIZIONE DI TRAPANI DEL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

TAG: ,

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook