POLIZIA MUNICIPALE

San Vito, sequestrati 900 ricci di mare

di

SAN VITO LO CAPO. Con l'arrivo delle belle giornate di sole e del primo caldo, tornano in azione i "ricciaioli", pescatori di frodo che fanno razzia dei preziosi echinodermi, deturpando il mate di depuratori naturali. A San Vito Lo Capo, gli agenti della polizia municipale, guidati dal comandante Giuseppe Messina, hanno intercettato, nella bellissima Baia del Bue Marino - giudicata, sul web, la spiaggia più bella d' Italia - alcuni sub - non locali, probabilmente provenienti dal capoluogo siciliano - impegnati nella pesca dei ricci di mare (peraltro vietata in questo periodo, e comunque per un numero superiore a 50 per ciascun subacqueo).

Il tempestivo arrivo via terra dei vigili urbani ha messo in fuga i bracconieri che si sono allontanati su barchini grigi usati per la pesca, abbandonando i circa 900 ricci già pronti per essere caricati sui furgoni e destinati ai mercati palermitani. Gli agenti della Municipale hanno dato comunicazione alla Delegazione di Spiaggia sanvitese della Capitaneria di Porto, e il pescato è stato posto sotto sequestro. Grazie all'interessamento del sindaco Matteo Rizzo e dell' assessore alla Pesca Giacomo Pappalardo i ricci sono stati imbarcati su natanti al porto di San Vito, e rilasciati sui fondali davanti alla costa dagli stessi agenti e dagli uomini della Guardia costiera.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA L'EDIZIONE DI TRAPANI DEL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X