GUARDIA DI FINANZA

Alcamo, dissequestrati i beni ad imprenditore

di

ALCAMO. Il Tribunale del riesame ha annullato il provvedimento di sequestro dei beni - valutati intorno ai 5 milioni di euro - a carico dell'imprenditore antiracket alcamese Vincenzo Artale, indagato nell'ambito dell'inchiesta denominata "Cemento del Golfo". Il sequestro preventivo era stato adottato, lo scorso 8 aprile, su richiesta della Direzione distrettuale antimafia di Palermo ed eseguito dai militari del Nucleo di polizia tributaria della Guardia di finanza del capoluogo siciliano.

Tra i beni ch'erano stati sequestrati figurano due abitazioni, due terreni, rapporti finanziari, quattro veicoli, la ditta edile intestata all'indagato con sede ad Alcamo e altre 3 società. Tra queste vi sono la "Occidentalcem S.r.l."e la "IN.CA. S.a.s. di Artale Vincenzo & C." entrambe produttrici di calcestruzzo. La "IN.CA", tuttavia, non è mai entrata in funzione.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA IL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook