AMMINISTRAZIONE

Trapani, nessun aumento per il servizio rifiuti

di

TRAPANI. Nessun sostanziale aumento per il servizio di raccolta, e smaltimento dei rifiuti. L’amministrazione Damiano, infatti, ha approvato la delibera con la quale ha definito il piano finanziario per il servizio ed il costo è di 12 milioni e 700 mila euro. Di fatto 300 mila euro circa in più rispetto al piano del 2014. Un leggero incremento dovuto non al piano finanziario della “Trapani Servizi”, la società che assicura il servizio (peraltro ridotto di quasi un milione rispetto ad un anno addietro), bensì all’aumento delle spese che deve sostenere l’amministrazione. A cominciare dai 640 mila euro di sanzione comminati dalla Regione in quanto non è stato raggiunto il 65% di raccolta differenziata, fino ad arrivare ai 400 mila euro dovuti ad una eccessiva stima dei costi imputati all'apparato burocratico del Comune.

La prima previsione di spesa elaborata dagli uffici, spiegano dagli uffici di Palazzo D’Alì, “si aggirava intorno ai 14 milioni di euro (1 milione e seicentomila euro in più rispetto allo scorso anno), che si sarebbero tradotti in un significativo aumento della Tari, la tassa sui rifiuti”. Damiano, quindi, ha chiesto di rivedere al ribasso i costi cresciuti. Il sindaco, che ritiene illegittima l’applicazione della sanzione per il mancato raggiungimento del 65% della raccolta differenziata, quindi, ha chiesto di rivedere al ribasso i costi.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X