AGRICOLTURA

Stangata sul canone idrico, consorzi di bonifica in crisi nel Trapanese

TRAPANI. Agli agricoltori siciliani stanno arrivando salatissime cartelle di pagamento dai consorzi di bonifica: il canone annuale - non il consumo dell'acqua per l'irrigazione, che ha un costo a parte - aumenta anche del 400%, come accade nella provincia di Trapani.

«Sono canoni del 2015 - spiega la deputata regionale del Pd, Antonella Milazzo, che si batte per la riforma dei consorzi - e purtroppo non abbiamo potuto fare nulla per abbassarli perchè stabiliti nella finanziaria precedente. Purtroppo il costo è ancora più alto per zone come quella Trapanese, che conosco bene essendo di Marsala: il Trapani 1 è uno dei consorzi più in difficoltà. Il disastroso bilancio ha portato a gravare ancora di più sugli agricoltori; l'armonizzazione contabile è un obbligo di legge e il consorzio era sull'orlo del fallimento».

Per il prossimo anno non ci saranno ulteriori aumenti, assicura la parlamentare, e si cercherà di diminuire i canoni con la «compensazione» se i bilanci dei consorzi miglioreranno nel corso del 2016. «Ci sono segnali positivi - aggiunge - ma purtroppo molti enti sono gravati da forti costi del personale, in alcuni casi sovradimensionato».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook