"Parto eseguito in ritardo", grave un neonato marsalese

di

MARSALA. Un altro presunto caso di "malasanità" è al vaglio degli investigatori. La denuncia è stata presentata ai carabinieri di Marsala dal nonno di un neonato venuto alla luce all'ospedale "Paolo Borsellino" in condizioni di "grave sofferenza respiratoria" perché, secondo l'autore dell'esposto, il travaglio della madre non sarebbe stato monitorato attentamente.

Allo staff medico, infatti, si rimprovera una presunta negligenza. A giudizio del nonno del bambino, il parto cesareo sarebbe stato eseguito con un "ritardo di 19 ore". E a causa della sofferenza respiratoria, il bambino, poi trasferito al reparto di neonatologia dell'ospedale Sant'Antonio Abate di Trapani, è entrato in coma. Il fatto è accaduto una settimana fa, ma solo ieri se n'è avuta notizia.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA IL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook