SERIE B

Non solo la promozione, il Trapani dei record va a caccia della... Juve

di

TRAPANI. È il Trapani dei record. Ha già stabilito quello stagionale di 10 risultati utili consecutivi, con otto vittorie e 2 pareggi in partite nelle quali è sempre andato a rete per un totale, con i 4 del successo sull’Ascoli, di 23 gol. Ha anche il record di sei successi consecutivi e, se non può attaccare quello assoluto, in un campionato a girone unico e a 22 squadre, del maggior numero di vittorie esterne (13) ottenuto dal Palermo nella stagione 2013-2014, perché finora ne conta sette e sono solo altre tre le trasferte da qui alla fine del torneo, può insidiare quello del maggior numero di vittorie di fila (8) che appartiene alla Juventus (2006-2007) e al Verona (2011-2012). Fantasticherie. Ma il Trapani che è sotto per 1-0 a Vicenza, a La Spezia e a Modena e che poi vince, rispettivamente per 2-1 le prime due partite e addirittura per 4-1 la terza, che viene due volte rimontato dall’Ascoli prima dal 2-0 al 2-2 e poi sul 3-3 e che riesce ancora a vincere la partita e a balzare al quarto posto nella classifica di Serie B, autorizza ad alimentare fantasticherie e sogni.

«Sogni? Pura realtà – obietta capitan Luca Pagliarulo -. Nella griglia dei play off ci siamo dentro e vogliamo rimanerci con tutte le nostre forze». Il difensore, con il suo quarto gol in campionato ha dato il «la» al successo del Trapani sull’Ascoli, ma gli sono stati attribuiti (probabilmente almeno uno non l’ha commesso) due falli da rigore che avrebbero potuto pregiudicare la partita. «Qualche errore c’è stato – taglia corto Pagliarulo – ma ci abbiamo messo il cuore in quella che è stata una partita particolarissima, contro una squadra, comunque, molto temibile». All’Ascoli rende l’onore delle armi anche Mirko Eramo definendola «una delle squadre più in forma del momento», ma in casa granata si guarda già al prossimo impegno, ad Avellino, domani sera, per il turno infrasettimanale. «È una squadra che non sta vivendo un momento ottimo – sottolinea Eramo – ma non è una squadra facile. Noi, però, non vogliamo fermarci e andremo a giocarcela cercando di sfruttare le nostre qualità».

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA IL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook