TRIBUNALE

Mafia a Marsala, chieste condanne per 30 anni

di

MARSALA. Dieci anni di carcere a testa sono stati invocati dal pm della Dda Carlo Marzella per i tre imputati del processo scaturito dall’operazione antimafia dei carabinieri di Marsala «The Witness» (9 marzo 2015). Alla sbarra, in tribunale (presidente Sergio Gulotta), sono Antonino Bonafede, di 80 anni, pastore e vecchio “uomo d’onore”, Martino Pipitone, di 66, ex impiegato di banca in pensione, entrambi in passato già arrestati per mafia, e il 54enne pastore incensurato Vincenzo Giappone.

L’accusa è associazione mafiosa. Dei tre, solo Pipitone - accusato anche di intestazione fittizia di una società ad altra persona “per evitare eventuale confisca da parte dello Stato” - è tornato in libertà.

Per lui, il pm ha invocato anche l’interdizione dai pubblici uffici e tre anni di libertà vigilata dopo aver scontato la pena detentiva. Le arringhe dei difensori (avvocati Paolo Paladino, Stefano Pellegrino, Stefano Venuti e Vito Cimiotta) inizieranno il 20 aprile.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA IL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook