COMUNE

Petrosino, il Comune accelera sul Piano regolatore

di

PETROSINO. "Consegniamo ai cittadini uno sviluppo ordinato e regole certe, senza più eccezioni o privilegi per nessuno". E' quanto ha affermato il sindaco di Petrosino, Gaspare Giacalone, dopo l'approvazione, all'unanimità, da parte del Consiglio comunale, delle linee guida del Piano regolatore generale. A queste si dovrà attenere il progettista che sarà incaricato per la stesura del nuovo strumento urbanistico.

"Queste linee guida - ricorda il sindaco - sono il risultato di diversi incontri con la cittadinanza che ha espresso oltre un centinaio di idee e suggerimenti di interesse collettivo. Nei prossimi giorni verrà pubblicato in Gazzetta Ufficiale il bando per la selezione pubblica del progettista". A questo traguardo, ha proseguito Giacalone, si arriva dopo "anni e anni di ritardi e chiacchiere inutili". Sottolineando che è stato seguito "un percorso di partecipazione popolare e massima trasparenza". Giacalone ha, poi, aggiunto: "Quello di consegnare il prg è un impegno che abbiamo preso e lo stiamo onorando". Prima dell'approvazione, l'assessore all'urbanistica Rocco Ingianni ha spiegato l'iter seguito per arrivare alla definizione delle linee guida. "Con questo importante atto - ha detto l'assessore - definiamo quale sarà il futuro di questo territorio". Anche il presidente del Consiglio comunale, Francesco Zichittella, ha commentato l'ok all'atto deliberativo.

"Ritengo - ha affermato - che questo documento sia il più importante approvato in questi anni. Ci permette di tracciare, finalmente, un percorso regolamentato e virtuoso per lo sviluppo e la crescita della nostra cittadina". Nelle assemblee pubbliche tenute tra dicembre e gennaio, i cittadini aveva chiesto più spazi pubblici (piazza, aree pedonali e centri di ritrovo) e piste ciclabili lungo i litorali di Biscione e Sibiliana. Ed inoltre, valorizzazione delle zone agricole, tutela ambientale, miglioramento della viabilità nella zona di Torrazza e Capo Feto, modifica di alcuni parametri di edificabilità (cubatura e superfici utili esistenti), e sul fronte turismo incentivare uno sviluppo "sostenibile" lungo la spiaggia di Torrazza. Tra le altre proposte, interventi sul patrimonio edilizio esistente, valorizzazione e salvaguardia urbanistica dei "Chiani" e Piano del colore, l'albergo "diffuso", il miglioramento energetico, l'incentivazione della produzione agricola biologica, modifiche delle viabilità all'interno delle zone a tutela ambientale e individuazione di spazi per attività sportive.

© Riproduzione riservata

TAG: ,

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook