TRIBUNALE

"Scarcerate Bulgarella", la richiesta alla Corte avanzata dalla difesa

di

TRAPANI. L’avvocato Nino Sugamele, difensore di Alessandro Bulgarella - l’operaio valdericino di 39 anni imputato per l’omicidio della prostituta nigeriana Uwadia Bose, assassinata la notte tra il 23 e il 24 dicembre 2013, presumibilmente, in auto, durante il tragitto da Trapani a Cusonaci - ha chiesto alla Corte di assise di Trapani la revoca della misura cautelare in carcere.

Il legale motiva, tra l’altro, la richiesta con il fatto che «le esigenze cautelari enucleate nell’ordinanza applicativa della misura cautelare non possono certamente dirsi persistenti anche ora che il processo è incardinato, le intercettazioni sottoposte a perizia, i principali testi del pubblico ministero escussi e il dibattimento giunto al culmine». Per l’avvocato Sugamele, «il pericolo di inquinamento probatorio, soprattutto, in questo momento, è nullo». Il legale ha chiesto «l’adozione meno afflittiva» degli arresti domiciliari con l’applicazione del braccialetto elettronico. La Corte dovrebbe preonunciarsi a giorni. I pm, Franco Belvisi e Anna Trinchillo, hanno espresso parere contrario alla scarcerazione.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA IL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X