LA PROTESTA

Petrosino, i giovani agricoltori: "La mafia ostacola lo sviluppo"

di

PETROSINO. "Il nemico da abbattere è la mafia. Ostacola lo sviluppo". E' questo il j'accuse lanciato dal Comitato dei giovani agricoltori "10, 100, 1000" recentemente costituito ad iniziativa della locale sezione della Cia (Confederazione italiana agricoltura). L'accusa è stata mossa, in maniera forte, nel corso del dibattito organizzato in occasione dell'8 marzo e al quale hanno partecipato anche molte donne impegnate in agricoltura. E in particolare, accanto ai loro uomini, nella viticoltura, un tempo colonna portante dell'economia petrosilena e marsalese e adesso (ma è così già da alcuni decenni) in profonda crisi.

"In una terra come quella della provincia di Trapani - scrive, in una nota, il responsabile locale della Cia, Enzo Maggio - che è diventata sempre più povera a causa dell'abbandono dei terreni agricoli, ad iniziare dal frumento tanti anni fa, oggi con il vigneto e chissà domani per quali altre colture, le donne vogliono dire la loro di fronte a questo malessere".

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA IL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook