CASO GIAMBALVO

Castelvetrano, l'opposizione attacca: "Ora si dimetta il sindaco"

di

CASTELVETRANO. L’azzeramento anticipato del consiglio comunale di Castelvetrano se da un canto chiude definitivamente la vicenda Giambalvo, dall’altro lascia spazio a varie polemiche. La politica castelvetranese, rimane scossa dalle dimissioni di 28 consiglieri che per loro volontà hanno lasciato l’incarico ottenuto nel 2012. Gli avversari di Felice Errante continuano a chiedere le sue dimissioni. In particolare gli esponenti locali del Partito Democratico e anche l’ex consigliere indipendente Ninni Vaccara. “Errante si deve dimettere- ha dichiarato Monica Di Bella – segretario del Pd- E’ lui il maggiore responsabile del caso Giambalvo. Inoltre, per correttezza, Errante deve lasciare per rispetto al consiglio comunale appena decaduto. Amministrare senza organo di controllo non è opportuno”.

«Nessuno mi detta l’agenda- commenta Errante- ne il PD e ne altri. Ci sono importanti impegni da affrontare da qui a fine aprile. Oltre a scadenze amministrative, c’è la visita della commissione antimafia e il referendum del 17 aprile. In ogni caso ,- conclude Errante- non saranno gli ex consiglieri d’opposizione a stabilire se devo o non devo lasciare l’incarico. Ogni decisione che adotterò,terrà conto sempre, dell’interesse sovrano dei castelvetranesi. La mia comunità è più importante di certe logiche politiche e delle strategie di alcuni partiti».

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA IL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

 

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook