SERIE B

Trapani, «rabbia» dura da smaltire dopo il pari

di

TRAPANI. Dopo il pareggio con il Cagliari, un arrabbiatissimo, e non a torto, Serse Cosmi, sabato scorso, nel lasciare la sala stampa "Franco Auci", aveva promesso che si sarebbe sforzato di spiegare ai suoi che quello che si era visto al Provinciale "non è calcio" perché "il calcio è qualcosa di più pulito, più serio" e "prevede che chi gioca meglio vince".

Il Trapani aveva, in effetti, meritato di vincere, e probabilmente avrebbe vinto, se non ci fossero state le clamorose "sviste" dell'arbitro Fabrizio Pasqua di Tivoli e di almeno uno dei suoi collaboratori di linea ("a te la mala Pasqua", torna in mente la "Cavalleria rusticana" di Pietro Mascagni).

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA IL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

 

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X