TRAPANI

Offese su Facebook all’arbitro, bufera su Ciaramitaro: «Malinteso»

di

TRAPANI. «Ditemi voi quando mai in siciliano dire “chi ti scoppiassi a mirudda o u cirivieddu” è diventata una frase shock, come se io volessi augurare la morte».

Il centrocampista del Trapani Maurizio Ciaramitaro cerca di spiegare, dichiarandosi stupito per l’eco che ha avuto, il significato del post su Facebook che aveva pubblicato a caldo dopo il pareggio, quello sì shock, che i granata avevano avuto imposto dal Cagliari con la «complicità» dell’arbitro Fabrizio Pasqua, che ha ignorato due clamorosi episodi da rigore e, in un terzo, ha addirittura ammonito il granata Petkovic per simulazione, senza considerare che il gol con cui il Cagliari ha dimezzato il doppio vantaggio del Trapani è scaturito da un’azione partita sul filo del (se non da) fuorigioco.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA IL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X