IL CASO

Campobello, intimidazione al teatro antimafia

di

CAMPOBELLO DI MAZARA. Una lettera intimidatoria anonima. Questa volta imprevedibile. Perché riguarda una rappresentazione teatrale: "Donne di mafia. Donne contro la mafia". Lo spettacolo che è andato in scena lo scorso 15 dicembre al teatro Rivoli di Mazara per la regia di Piero Indelicato e che riflette il libro di Francesca Incandela, che è anche presidente dell'associazione antiracket di Mazara "Io non pago il pizzo…E tu?" da sempre impegnata contro la cultura mafiosa nel territorio dell'ex provincia di Trapani.

La lettera è stata rinvenuta da Piero Indelicato sotto la porta della sua abitazione, in località Tre Fontane. Nella lettera si fa riferimento allo spettacolo "Donne di mafia. Donne contro la mafia". Il regista viene minacciato esplicitamente ed invitato a "non occuparsi di queste cose". Espressioni pesanti sono state scritte anche contro Francesca Incandela.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA IL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook