CARABINIERI

Trapani, trovano un fucile fatto in casa: pastore ai domiciliari

di

TRAPANI. Il fucile rudimentale era stato smontato e i suoi componenti occultati nella stalla. I pezzi, però, sono stati rinvenuti dai carabinieri che hanno arrestato il detentore dell’arma artigianale. Si tratta di un pastore di 36 anni, Antonio Galia, con piccoli precedenti di polizia alle spalle, residente nella frazione trapanese di Guarrato.

Ora è ai “domiciliari”, con l’obbligo di indossare il braccialetto elettronico. I militari dell’Arma della stazione di Locogrande, impegnati nella ricerca di armi nelle campagne trapanesi, di concerto con i "Cacciatori di Calabria", hanno eseguito una perquisizione nell’abitazione dell’indagato e nel suo ovile. Hanno così rinvenuto un’arma artigianale costituita da due tubi avvitati tra loro e da un rudimentale meccanismo di scatto.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA IL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook