PROCESSO

Delitto Rostagno, chiesta nuova perizia genetica

di

TRAPANI. L’elemento su cui poggiano gli ergastoli inflitti, nel giudizio di primo grado, a Vincenzo Virga e Vito Mazzara, per l’omicidio di Maurio Rostagno, è la perizia genetica.

Ed è sulla richiesta di una nuova perizia che punta, adesso, il collegio di difesa nel processo di secondo grado. I legali hanno chiesto ed ottenuto dai giudici della seconda sezione della Corte di assise di Appello di Palermo, presieduta da Daniele Marraffa, un rinvio - in concomitanza con la prima udienza tecnica dello scorso 5 febbraio - al 13 maggio.

L’appello entrerà nel vivo, pertanto, a quasi due anni dal pronunciamento della sentenza di condanna dei giudici della Corte di assise di Trapani, presieduta da Angelo Pellino (a latere Samuele Corso). Un processo indiziario, durato più di tre anni, nel corso del quale la Corte ha scandagliato ogni possibile movente, senza escludere nulla.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA IL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

 

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X