IL CASO

Accorpamento dei porti di Trapani e Palermo, è polemica

di
Trapani, Economia
Il porto di Trapani

TRAPANI. L'accorpamento del porto di Trapani a Palermo è oggetto di un pietoso «scarica barile» della politica. Lo si legge in un documento dell'Associazione «Trapani cambia» in merito alla proposta del Governo nazionale riguardante il riordino delle Autorità portuali che prevede, appunto, che il porto di Trapani rientri nella giurisdizione dell'Autorità portuale di Palermo.

Una parte politica rimprovera all'altra «quanto di tragico sta accadendo al porto della nostra città», prosegue il documento dell'Associazione che fa capo all'ex candidato sindaco Sabrina Rocca, sottolineando che «c'è di peggio, in quanto altri parlamentari, dopo essersi distinti nel tranquillizzare o quasi narcotizzare l'opinione pubblica trapanese con confortanti "tutto è sotto controllo" si distinguono oggi per un assordante silenzio».

Per «Trapani cambia» sarebbe in corso «uno dei più tragici scippi che il popolo trapanese abbia subito nella sua storia» perché «questa politica sta permettendo di consegnare ciò che di più prezioso abbiamo da un punto di vista economico al "califfato" di Palermo».

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA IL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X