COMUNE

Caso Giambalvo a Castelvetrano, Fava: «Consiglieri dimettetevi»

di

CASTELVETRANO. È diventato un caso politico nazionale il reintegro in consiglio comunale di Lillo Giambalvo, assolto lo scorso mese di dicembre,in primo grado, da pesanti accuse come l' associazione mafiosa e la tentata estorsione.

Il «caso» del consigliere Giambalvo richiama l' attenzione anche di Claudio Fava.

«Il ritorno nel consiglio di Castelvetrano di Lillo Giambalvo, intercettato - afferma Il vice presidente della commissione antimafia -mentre garantiva fedeltà cieca al capomafia Messina Denaro e si augurava l'uccisione del figlio di un pentito, anche se ineccepibile sul piano formale, è uno sputo in faccia alla lotta alla mafia. E ai tanti cittadini di Castelvetrano che considerano Cosa Nostra una mala pianta da estirpare». Queste frasi sono state trascritte dai Carabinieri nel corso delle indagini sull' operazione "Eden2".

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X