TRIBUNALE

Campobello di Mazara, l'ex sindaco Caravà a processo

di

CAMPOBELLO DI MAZARA. Ancora un processo per l' ex sindaco di Campobello di Mazara Ciro Caravà, al quale il 15 luglio dello scorso anno, la Corte d' appello di Palermo, ribaltando il giudizio del Tribunale di Marsala, che lo aveva assolto, ha inflitto nove anni di carcere per concorso in associazione mafiosa. Stavolta, davanti al giudice monocratico Vito Marcello Saladino, l' ex sindaco di Campobello deve rispondere di mancata adozione di misure di sicurezza in ambienti di lavoro: scuole comunali e altri edifici pubblici. Si contestano, in particolare, violazioni in fatto di normativa antincendio. Il procedimento, relati vo a fatti del 2012, è scaturito da controlli effettuati dai funzionari dell' Ispettorato provinciale del lavoro.

"Si addebitano all' allora sindaco Caravà- ribatte, però, l' avvocato difensore Giovanni Lentini- responsabilità che, invece, attengono esclusivamente ai poteri di gestione dei dirigenti, non a quelli di indirizzo politico -amministrativo. Per altro, Caravà nel 2012 fu rimosso dalla carica di sindaco". E ciò proprio a causa dell' inchiesta sfociata nell' operazione antimafia di Dda e Carabinieri "Campus Belli", che il 16 dicembre 2011 vide, tra gli arrestati, anche Caravà.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA IL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X