Gli atleti dell'Olympic Basket Trapani visitano il centro "Vanico" di Castelvetrano

TRAPANI. Gli atleti della squadra di basket in carrozzina “Olympic Basket Trapani” (quest’anno a fianco della Pallacanestro Trapani) hanno visitato, lo scorso week-end, il complesso medico di riabilitazione “Vanico”, una struttura di 11.000 mq² di nuovissima realizzazione.

La squadra, che quest’anno sta disputando il campionato di serie B (girone E) di basket in carrozzina, è stata accompagnata dal presidente Domenico Alba, dal coach Pietro Manzo e da Valentina Li Causi, in rappresentanza della proprietà del Centro. Il motivo della visita è stata la conoscenza, da parte degli atleti diversamente abili (molti dei quali seguono percorsi di riabilitazione presso il centro Inail di Budrio, vicino Bologna), di alcune strutture riabilitative del territorio.

E si è iniziato proprio dal Vanico, un Centro all’avanguardia con 96 posti letto per la riabilitazione neurologica, oncologica, ortopedica, cardiologia, pneumologica, e urologica, con erogazione di prestazioni di riabilitazione intensiva in regime di ricovero ordinario post-acuzie. Gli atleti, alcuni dei quali in carrozzina, hanno potuto visitare tutti gli spazi del Centro: dalle palestre alle stanze di degenza, dai laboratori al centro congressi.

«Il nostro auspicio è quello che da questa visita possa nascere una fattiva collaborazione tra la nostra società e il centro “Vanico” – ha detto Domenico Alba – con una particolare attenzione a chi possa avvicinarsi allo sport, in particolare al basket in carrozzina, in una fase riabilitativa post-trauma». A Valentina Li Causi Domenico Alba ha donato un gagliardetto della società e una maglia da gioco.

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X