LA STORIA

Favignana, anche la Brambilla vuole il cane Leo

di
Ridotto in fin di vita, con tre colpi di fucile, il meticcio è stato sottoposto aun delicato intervento chirurgico in una clinica di Marsala

FAVIGNANA. La triste storia di Leo, il cane di sette anni che partecipò ai funerali del suo padrone, ha varcato i confini di Favignana commuovendo tutta l' Italia. Ridotto in fin di vita, con tre colpi di fucile, il meticcio - diventato randagio dopo la morte del proprietario - è stato sottoposto aun delicato intervento chirurgico in una clinica di Marsala.

Ora sta bene e da Trapani a Trento è un continuo susseguirsi di richieste di adozioni. Tutti vogliono Leo, che prima di essere ferito, con cadenza quotidiana, si recava al cimitero di Favignana per fare visita alla tomba del suo padrone. Anche l' ex ministro del Governo Berlusconi e sottosegretario alla presidenza del Consiglio Michela Vittoria Brambilla è interessata al cane.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA IL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

TAG: ,

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X