NEL GIUGNO 2010

Uccisero spacciatore "rivale", cinque arresti a Mazara

Cinque anni fa l'assassinio di Riadh Srat

MAZARA. Un regolamento di conti nel mondo dello spaccio di droga: sarebbe lo scenario in cui è maturato l'uccisione dell'extracomunitario Riadh Srat, assassinato con cinque colpi di pistola il 10 giugno del 2010 in contrada Capo Feto di Mazara del Vallo. E' la ricostruzione del delitto che emerge dall'inchiesta che ha portato all'arresto di cinque persone, da parte dei carabinieri della locale compagnia, per omicidio in concorso in esecuzione di un'ordinanza cautelare emessa dal Gip di Marsala.

I destinatari del provvedimento sono Vincenzo Galia, Giovan Vito Romeo, Gisella Angileri, Giovan Battista Angileri e il tunisino Arafet Ibnmahjoub. Dalle indagini dei carabinieri è emerso che l'uomo sarebbe stato ucciso perché era "uno scomodo concorrente nell'attività di spaccio di sostanze stupefacenti" e anche perché uno dei cinque indagati doveva dei soldi alla vittima, maturato nello stesso ambito del traffico di droga. Inoltre, le attività tecniche svolte dal giugno 2010 all'aprile 2011 hanno consentito a militari dell'Arma di acquisire spunti investigativi sul mondo dello spaccio a Mazara del Vallo che hanno consentito di arrestare in flagranza di reato di 15 persone e di sequestrare, complessivamente, oltre 600 grammi di eroina e 400 di Hashish.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X