BASKET

Il Trapani contro il Mantova ritrova il gusto della vittoria

di

TRAPANI. Trapani surclassa Mantova, bissando la vittoria sul campo dell’andata (poi cancellata dallo 0-20 a tavolino) e lo fa col piglio della grande. Capitalizzando le lacune difensive della Dinamica Generale e chiudendo di fatto i conti già nel terzo periodo, dove il margine diventa abissale. Dopo due bocconi amari, con le sconfitte patite contro Casalpusterlengo e Brescia, Lighthouse torna a sorridere nelle sfide alle lombarde, rilanciandosi così in ottica playoff. Coach Lino Lardo si affida a Legion e Renzi e i suoi big non lo tradiscono. L’ex Kentucky si prende luce e titoli, finendo la serata mantovana con lo stratosferico score di 35 punti (31 già dopo trequarti di gara) e 10 rimbalzi, ma determinante è l’apporto del centro di Trapani, specie nei primi venti minuti di gioco. Di Andrea Renzi sono infatti le spalle su cui poggia Trapani nei primi due quarti.

È la Lighthouse a condurre sempre il gioco (a fine match le statistiche certificano 39 minuti e 41 secondi in vantaggio per gli ospiti), ma i padroni di casa, fortemente rimaneggiati, riescono a restare con costanza nel match in avvio. Quando il quintetto di coach Lino Lardo tenta l’allungo, Mantova resiste al meglio che il roster impoverito dagli infortuni (fuori Jefferson, Amoroso e in ultimo l’influenzato Moraschini) le consente. Valga su tutti la tripla di Maccaferri a cinque secondi dall’intervallo lungo che consente ai lombardi di rientrare sul -3. Ma il tempo premia la qualità e sul parquet virgiliano Lighthouse viaggia ad un’altra velocità rispetto ai locali.

ALTRE NOTIZIE SUL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA OGGI

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X