Marsala, è nata una biblioteca per far innamorare i piccoli

Trapani, Archivio

MARSALA. Nasce una biblioteca per far innamorare i bambini della lettura nella parrocchia Maria Santissima Madre della Chiesa di Ciancio, i destinatari saranno i piccoli da zero a cinque anni. Si chiama “Un libro per volare” l’iniziativa messa in campo dalla parrocchia di contrada Ciancio che, all’interno dei locali della parrocchia, ha realizzato uno spazio morbido, munito di cuscini e tappeti, dove accostare alla lettura i più piccoli parrocchiani, anche se la biblioteca è aperta a tutti. La sala dedicata alla baby lettura è stata ricavata all’interno del grande salone parrocchiale con due pareti di legno e grandi vetrate per consentire da un lato privacy ai momenti dedicati al progetto, ma al tempo stesso, continua comunicazione con l’esterno. Qui vi si trovano settecento volumi colorati, sonori, in alcuni casi morbidi. «Il primo passo – spiega la pedagogista Matilde Treno – è favorire la familiarità del bambino con il libro. È un’esperienza tattile che noi riteniamo indispensabile per i cosiddetti nativi digitali che, con ogni probabilità, studieranno su pc e tablet». Nella biblioteca, di pomeriggio, c’è già un’animatrice Antonella Pizzo, che si prende cura dei piccoli destinatari attraverso incontri di lettura interpretativa. «Il nostro progetto – spiega il parroco don Giacomo Putaggio – si ispira a quello nazionale dal titolo “Nati per leggere” perché crediamo che ogni bambino ha diritto ad essere protetto non solo dalla violenza, ma anche dalla mancanza di occasioni di sviluppo affettivo e cognitivo, e creare spazi di lettura guidata è un segno di attenzione e cura all’anima e all’intelligenza di ogni nostro piccolo fratello. Il progetto ha l'obiettivo di promuovere la lettura ad alta voce molto prima che i bambini vadano a scuola. Abbiamo appreso che ricerche scientifiche dimostrano come la lettura ad alta voce, con continuità, ai bambini in età prescolare ha una influenza positiva sia dal punto di vista relazionale perché crea occasioni di confronto tra bambini ed adulti, che cognitivo anche perché incrementa sia il lessico che la conoscenza strutturale della lingua». L’intento è consolidare nel bambino l'abitudine a leggere che cresce nelle età successive grazie all'approccio precoce e positivo. Il progetto “Un libro per volare” si inscrive all’interno delle attività dell’oratorio parrocchiale. Intanto sono in corso i lavori per il campo estivo (21 luglio – 9 agosto) che quest’anno sarà dedicato a “Summerland – I viaggi del Piccolo Principe”. Chi.P.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X