Trapani, c’è un «tabù» da sfatare

I granata affrontano la loro «bestia nera» con l’obiettivo di centrare la terza vittoria consecutiva
Trapani, Archivio

TRAPANI. Sfiora il paradosso il tecnico del Trapani Roberto Boscaglia quando, ricordando la finalissima playoff di due stagioni fa che, con la vittoria al Provinciale del Lanciano, ne decretò la promozione in serie B a danno dei granata, afferma: «Dobbiamo dire grazie al Lanciano perché quella sconfitta ci ha fatto crescere e ci avviati ad un percorso sportivo importante che in serie B ci ha portati lo stesso e, anzi, con una maturità che probabilmente prima non avevamo. E pertanto dobbiamo essere grati al Lanciano». Una «gratitudine» che non impedirà assolutamente di «volere la testa» di un avversario che, comunque, quel 10 giugno del 2012, mortificò le aspettative di un’intera città. «Lanciamoci sul Lanciano», aggiunge infatti, Boscaglia coniando, di fatto, uno slogan e sottolineando che pretende dai suoi «la stessa intensità che hanno messo in campo nelle ultime partite e che ha determinato le due vittorie consecutive, contro il Novara e a Castellammare di Stabia. La mia squadra sta bene - aggiunge - e vuole vivere un’altra partita da protagonista ed esprimendo un gioco di qualità, come abbiamo fatto quasi sempre».


UN SERVIZIO NELL'EDIZIONE DI TRAPANI DEL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X