Marsala, rivoluzione nella raccolta dei rifiuti: dovranno essere depositati la sera

Dall’11 febbraio, infatti, il deposito non avverrà più dalle 13,30 alle 15,30, bensì dalle 20,00 alle 22,00
Trapani, Archivio

MARSALA. Una autentica "rivoluzione" nella raccolta differenziata a Marsala. Riguarderà in particolare il centro urbano dove finora sono stati avvertiti grossi disagi specie per il traffico autoviario a causa della lentezza e dell'ingombro dei mezzi di raccolta della "Aimeri". I liquidatori dell'Ato Tp1 "Terra dei Fenici", Antonio Provenzano e Francesco Tumbarello, dopo una serie di incontri con i responsabili dell'azienda lombarda ma anche che con alcuni consiglieri comunali sulla metodologia e l'analisi delle modalità di raccolta della differenziata, hanno disposto una completa rimodulazione del servizio. La modifica riguarda soprattutto gli orari di deposito dei rifiuti e il loro ritiro da parte del personale della "Aimeri". A partire dall'11 febbraio, infatti, il deposito dei rifiuti nel centro urbano non avverrà più dalle 13,30 alle 15,30, bensì dalle 20,00 alle 22,00. Di fatto il servizio di raccolta inizierà dopo le 22,00; la raccolta sarà quindi effettuata nelle ore notturne quando il traffico in città è meno intenso. Almeno in questa prima fase rimangono inalterate le giornate della tipologia di raccolta. I liquidatori dell'Ato provvederanno a breve a fare un nuovo calendario delle giornate di raccolta della differenziata che sarà distribuito alle famiglie. Un'altra novità riguarda i cassonetti stradali utilizzati per il conferimento per l'RSU (i rifiuti solidi urbani indifferenziati). Questi saranno rimossi a partire dal 25 febbraio e la raccolta, così come avviene per altre tipologie di rifiuti avverrà "porta a porta". "L'auspicio - dicono i liquidatori dell'Ato Tp1 – è che tale rimodulazione porti consistenti benefici sia al Comune che allo stesso Ambito Territoriale ottimale Tp1, dal momento che il Comune di Marsala da solo apporta circa il 40 per cento della quantità di rifiuti dell'intero Ambito di cui fanno parte anche i comuni di Alcamo, San Vito Lo Capo,Buseto Palizzolo,Calatafimi-Segesta,Favignana, Erice, Castellammare del Golfo, Custonaci e Valderice. E' auspicabile, comunque, che la cittadinanza si adegui alla nuova tipologia di raccolta differenziata che potrà comportare benefici economici ma anche un miglioramento del decoro urbano, evitando il frequente abbandono dei rifiuti in strada". Va ricordato inoltre che, sia nel centro urbano che nelle borgate come Cutusio, Strasatti e Ponte Fiumarella rimangono aperte le "isole ecologiche" che, in vero finora sono state piuttosto trascurate anche se la loro funzione è per il conferimento di rifiuti organici, carta, vetro ed oli esausti, per i quali non è necessario attendere le giornate di raccolta.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X