Porto di Marsala, l'impegno di Crocetta: "Opera prioritaria per la Regione"

Il mese scorso la giunta ha approvato la delibera con la quale viene dato il via libera al progetto
Trapani, Archivio

MARSALA. La riqualificazione e messa in sicurezza del porto di Marsala una priorità del presidente Rosario Crocetta. E' l'impegno assunto dal governatore della Sicilia nel corso di un incontro avuto con il sindaco, onorevole Giulia Adamo, presenti il deputato marsalese all'Ars, Antonella Milazzo e il segretario dell'assessore alla Famiglia, Saro Asta.

Soddisfazione è stata espressa dal sindaco Giulia Adamo per la conferma da parte del presidente Crocetta dell'impegno che aveva assunto in campagna elettorale, a Villa Cavallotti, di portare avanti il progetto di messa in sicurezza dello scalo marittimo marsalese, snellendone l'iter e garantendone il relativo finanziamento. Già il mese scorso la giunta municipale ha approvato la delibera con la quale di fatto viene dato il via libera al "progetto Viviano", redatto dal Genio Civile alle Opere Marittime di Palermo.

Marsala, completato il complesso iter previsto, potrà finalmente avere un porto funzionale ed operativo capace di ospitare navi commerciali, da crociera ed essere volano di sviluppo economico-sociale della città. Secondo il progetto la messa in sicurezza del porto prevede essenzialmente nel variare le opere di protezione a levante previste dal piano regolatore del porto.

Si tratta del prolungamento del molo di sopraflutto (lanterna rossa) per una lunghezza di 390 metri, nonché la costruzione del molo di sopraflutto per 596 metri, radicato sul molo di levante esistente (lanterna verde), oltre alla realizzazione di un ampio piazzale di circa 68 mila metri quadrati, a ridosso dello stesso molo, per le attività commerciali e formazione di nuove banchine per complessivi 543 metri quadrati. I lavori prevedono inoltre una escavazione dei fondali all'imboccatura da portare ad almeno 7 metri di profondità con l'impiego dei materiali provenienti dalle escavazioni da utilizzare nella realizzazione del piazzale; la realizzazione di un impianto antincendio, di scorrimento delle acque piovane e di illuminazione e gli arredi di banchine costituite da bitte, parabordi, anelloni e scalette.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X