Droga, condannato lo zio della sorellastra di Denise Pipitone

Jessica Pulizzi, imputata per il sequestro di Denise, è la nipote di Claudio Corona che ha patteggiato tre anni di droga per traffico e spaccio di stupefacenti
Trapani, Archivio

MARSALA. Ha patteggiato la pena ed è stato condannato a tre anni di carcere per traffico e spaccio di droga il pregiudicato Claudio Corona, 43 anni, zio di Jessica Pulizzi, imputata davanti al Tribunale di Marsala nel processo per il sequestro di Denise Pipitone, la bambina scomparsa da Mazara del Vallo il primo settembre 2004. A condannare Corona, arrestato lo scorso 20 marzo nell'operazione «Tonno bianco», è stato il giudice delle udienze preliminari di Marsala Francesco Parrinello. Hanno, inoltre, patteggiato anche Francesco Gancitano (tre mesi di reclusione e mille euro di multa in continuazione con una precedente condanna, per un totale di 4 anni e 2 mesi) e Francesco Garofalo (un anno e otto mesi). L'organizzazione criminale di cui avrebbero fatto parte i tre condannati avrebbe gestito lo smercio della droga (eroina, cocaina, hashish) in diversi centri del Trapanese. Lo stupefacente veniva acquistato a Palermo, mentre la base operativa dell'organizzazione sarebbe stata in un bar di Mazara del Vallo.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X