Marsala, allarme rapine in città Due «colpi» in pochi giorni

Il problema denunciato in consiglio comunale dai consiglieri Giuseppe Carnese e Alex Coppola
Trapani, Archivio

MARSALA. Nonostante il "piano sicurezza" messo in atto dalle Forze dell'Ordine c'è una recrudescenza di atti delittuosi che rende precaria la sicurezza dei marsalesi. Il fenomeno non è nuovo tant'è che nelle scorse settimane è stato posto all'attenzione da una duplice denuncia fatta in consiglio comunale dai consiglieri Giuseppe Carnese e Alex Coppola; una denuncia che ha confermato il preoccupante riproporsi in questi ultimi mesi di episodi di violenza soprattutto contro le persone per scippi e rapine. Proprio in settimana si sono registrate due rapine: una andata a vuoto e l'altra con il ferimento del rapinato.

In entrambi i casi presi di mira due tabaccai. Il primo tentativo di rapina è avvenuto sulla via Vecchia Mazara dove il titolare di una tabaccheria, mentre stava rincasando in macchina, è stato affiancato da un'auto con un paio di persone a bordo che hanno tentato di fermarlo. L'uomo ha accelerato riuscendo a sottrarsi al tentativo dei malviventi per poi denunciare l'accaduto ai carabinieri. Finito peggio, invece, un secondo tentativo di rapina nella centralissima via Scipione l'Africano, a poche decine di metri dalla storica "Porta Garibaldi" di Piazza Mameli (uno degli ingressi al centro storico della città). Anche qui la vittima un tabaccaio che stava rientrando a casa e che i rapinatori hanno ferito alla testa con il calcio di una pistola per rapinargli l'incasso della giornata. L'uomo ha dovuto ricorrere alle cure dei medici del pronto soccorso del "Paolo Borsellino" e dopo le cure del caso ha sporto denuncia alla polizia. I due episodi sono il segnale di una "emergenza - sicurezza" che si registra a Marsala e che, con l'approssimarsi delle festività natalizie, rischia un ulteriore aggravamento per il susseguirsi di scippi in pieno centro urbano o furti in appartamenti come avviene in alcune contrade del marsalese. Tutto ciò nonostante i tanti colpi inferti alla microcriminalità locale da polizia e carabinieri, sempre più impegnati a garantire la sicurezza in città e in periferia. Pare che proprio in vista delle ormai prossime festività natalizie che tradizionalmente segnano una impennata degli episodi di microcriminalità si stia approntando un piano volto a prevenire e reprimere episodi di violenza contro persone e cose. Polizia e Carabinieri non se ne stanno con le mani in mano, ma è chiaro che c'è anche la necessità di una più attiva collaborazione da parte dei cittadini, soprattutto in fatto di prevenzione dei reati contro il patrimonio e la persona.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X