Prima Divisione, il Trapani travolge San Marino

Gara a senso unico quella vinta dalla formazione di casa che ha mostrato di essere in costante crescendo. Un 4 a 0 senza alcuna storia
Trapani, Archivio

TRAPANI. Gara a senso unico quella vinta dalla formazione di casa che ha mostrato di essere in costante crescendo. E dire che gli ospiti hanno avuto al 7’ la possibilità di cambiare volto all’incontro grazie ad un penalty concesso dal direttore di gara per un tocco di braccio in area di Basso su tiro di Coda. L’esecuzione di Poletti però è parata con bravura in tuffo dal portiere granata Nordi che sventa la minaccia. Tre minuti dopo giunge il vantaggio del Trapani dopo un corner battuto da Basso che indirizza sulla testa di Filippi il quale mette al centro per l’incornata vincente di Abate. Al 17’ l’arbitro non espelle il portiere Vivan, uscito fuori dall’area per sventare un pallonetto di Mancosu. Dopo un paio di puntate offensive abbastanza sterili del San Marino si rivede il Trapani che allo scadere del primo tempo sfiora il palo con una rasoiata di Spinelli. Nella ripresa al 49’ il raddoppio granata ad opera di Mancosu che materializza in rete da pochi passi su perfetto cross di Caccetta. Al 67’ la squadra di casa triplica con un calcio di rigore battuto da Basso dopo un atterramento in area di Mancosu che aveva superato il diretto avversario. Il Trapani continua a cercare la rete e va vicino al poker in quattro occasioni con il nuovo entrato Docente: al 76’ non è fortunato in area; all’84’ sfrutta un errore della difesa ospite ma da posizione angolata non riesce a mettere dentro; all’85’ con una spettacolare giravolta sfiora la traversa e all’88’ si fa anticipare dal portiere in uscita. Lo stesso Docente al 92’ serve il pallone in area per il nuovo entrato Tedesco che di “fino esterno sinistro” mette dentro.   

L'allenatore del Trapani, Roberto Boscaglia: 'La partita è iniziata male col rigore concesso agli ospiti e sul quale è stato bravissimo il portiere Nordi. Poi abbiamo sempre mantenuto il controllo. Siamo stati sempre concreti. La squadra è in costante crescendo in autostima, determinazione, aggressività, sui calci piazzati e nella misura dei passaggi. Devo elogiare tutti i reparti. La difesa, praticamente quella dello scorso campionato con tre nuovi ingressi per squalifica dei titolari, si è comportata oltre ogni aspettativa. A centrocampo c’è stato un netto miglioramento sul piano dell’aggressività che è mancata in altri incontri. Adesso noto pure più personalità. Il reparto offensivo ha mostrato tutte le sue qualità. Abbiamo cinque attaccanti tra i più forti del campionato e oggi se ne è avuta la conferma. Posso benissimo affermare di essere veramente contento'.

L'allenatore del San Marino, Leonardo Acori: 'Sicuramente l’episodio del calcio di rigore parato da Nordi ha condizionato sul piano morale la prestazione di Paoletti, uno dei migliori giocatori della mia squadra. Posso affermare che il primo tempo è stato abbastanza equilibrato. Nella ripresa dopo la seconda rete dei padroni di casa non abbiamo più reagito e la mia formazione ha permesso qualsiasi cosa al Trapani. Bisogna, comunque, considerare che il San Marino è una squadra composta da molti giovani. La salvezza è il nostro obiettivo principale. Peccato però perché stavamo andando bene. Dovremo esser bravi a dimenticare presto questa partita. Riguardo al Trapani direi che è una delle formazioni più forti e sicuramente disputerà un grande campionato'.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X