Provincia, ricapitalizzata Airgest: salva la società ed i dipendenti

La decisione sulla base di una relazione di Peppe Poma che ha riconosciuto la funzione strategica per lo sviluppo economico del territorio
Trapani, Archivio

TRAPANI. La Provincia aderisce all’aumento del capitale sociale dell’Airgest, la società di gestione dell’aeroporto «Vincenzo Florio» e, quindi, conferma, attraverso questa operazione, quel 49 % circa (49,48851) del capitale sociale dell’Airgest che ne fa il socio di riferimento. Il commissario Luciana Giammanco ha adottato, infatti, la delibera per la spesa di circa 1,3 milioni di euro relativa a 901.440 nuove azioni del valore nominale di 1,45 euro ciascuna. Con la stessa delibera (trasmessa al presidente del consiglio provinciale Peppe Poma e da questi girata a tutti i consiglieri, ndr) si manifesta la volontà di esercitare il diritto di prelazione fino ad un massimo di 27 mila azioni di spettanza degli altri soci che eventualmente rimarranno inoptate, ma si ribadisce anche la determinazione a non ripianare più eventuali ulteriori perdite di esercizio rispetto al piano di riequilibrio economico finanziario predisposto dalla stessa società di gestione dell’aeroporto «fino a che non dovesse essere immediatamente perseguito il pareggio di bilancio e qualora non sarà ottenuto il rilascio della concessione totale per la gestione trentennale dello scalo». L’aumento, deciso dall’assemblea dei soci tenutasi lo scorso 9 ottobre davanti al notaio Francesco Di Natale, è finalizzato a ricostituire il capitale sociale di circa 7,7 milioni di euro che si era ridotto a poco più di 5 milioni di euro per le perdite accumulate al 30 giugno. Nella sua delibera il commissario Luciana Giammanco fa riferimento a quanto stabilito, lo scorso 18 luglio, dalla Corte dei Conti secondo la quale «il termine di conclusione dei procedimenti ancora in itinere volti al rilascio delle concessioni per le gestioni aeroportuali di rilevanza nazionale è prorogato al 31 dicembre 2012 per gli aeroporti che, pur in presenza di perdite di esercizio pregresse, presentino un piano da cui risultino il riequilibrio economico - finanziario della gestione ed il raggiungimento di adeguati indici di solvibilità patrimoniale» e ricorda che il consiglio provinciale, fin dal 14 luglio 2009, sulla base di una relazione del presidente Peppe Poma, ha riconosciuto che l’Airgest «svolge una funzione strategica per lo sviluppo economico e sociale del territorio, stante il contributo, soprattutto in termini di flussi turistici, che deriva dalla sua attività». Sicché si tratta di una di quelle «società che producono servizi di interesse generale» per le quali la normativa inerente le partecipazioni societarie di Enti pubblici prevede il mantenimento delle stesse.
Una tesi che era stata sostenuta anche dall’ex presidente della Provincia Mimmo Turano, ora deputato regionale, che l’aveva anzi rilanciata nei giorni scorsi.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X