Marsala, vandali alla media Pellegrino: quinto raid dall’inizio dell’anno

Distrutte le macchinette delle bevande e gli estintori. La preside: «Da oggi tutto torna alla normalità»
Trapani, Archivio

MARSALA. Atti vandalici nella scuola media “Stefano Pellegrino”: ignoti entrano dal retro, scassano le macchinette di bibite e caffè e spargono ovunque la polvere degli estintori. È sconcerto tra i genitori, ma la preside Franca Donata Pellegrino assicura: «Abbiamo informato le autorità competenti, già oggi tutto torna alla normalità».



È accaduto nella notte tra martedì e mercoledì e i primi ad accorgersi del «disastro» sono stati i collaboratori scolastici che si sono recati a scuola prima delle 8 del mattino. Il pavimento di tutta la scuola (che si trova in contrada Perino e abbraccia sette frazioni della periferia nord del Marsalese) era completamente coperto di polvere bianca.
Ci sono voluti alcuni istanti per capire cosa era accaduto: ignoti – secondo quanto ricostruito dai carabinieri della stazione di San Filippo e Giacomo intervenuti sul posto per i rilievi del caso – si sono introdotti dalla porta che si trova sul retro (che si trova di fronte alla palestra) e si sono diretti verso le macchinette che erogano caffè, tè e altre bibite allo scopo di sottrarre il denaro contenuto all’interno. Una volta scassinati i distributori di bevande si sono diretti verso gli armadi di uno degli sgabuzzini più grandi e hanno portato via trapani, martelli e altri utensili di bricolage. Non contenti hanno cercato di entrare nella stanza di una degli applicati di segreteria, facendo a pezzi la serratura e il telaio della porta, ma senza riuscire nel proprio intento. Forse delusi per lo scarso bottino, i malviventi hanno deciso di lasciare una «firma» speciale: hanno attivato tutti e cinque gli estintori presenti nell’istituto scolastico e se ne sono andati senza lasciare tracce.
Il risultato: nell’atrio e nei corridoi della scuola sembrava avesse nevicato polvere bianca. Secondo quanto riferito da alcuni genitori degli alunni questa è la quinta volta, dall’inizio dell’anno che la scuola è «oggetto delle attenzioni» dei vandali.
Di recente è stato rotto il vetro della porta posteriore e in molti ritengono che l’unica soluzione al problema sia quella di mettere grate di ferro a tutte le vie d’accesso e magari anche un servizio di videosorveglianza.
Rassicurazioni sull’accaduto sono arrivate dalla preside Franca Donata Pellegrino: «Abbiamo immediatamente contattato le forze dell’ordine e informato il Comune. Ci siamo accertati del fatto che le polveri emesse dagli estintori non sono tossiche né nocive. Già nel pomeriggio è stata effettuata la pulizia accurata dell’edificio. Da oggi tutto torna alla normalità».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X